Lupa Capitolina

2012 Premio alla carriera

Hollywwod Career Achievement Award

2010 Premio alla carriera

Action Hero Hall of Fame

2010 Miglior eroe nei film d'azione.

Guys Choice Award

2010 prestazioni leggendarie nel genere d'azione.

Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker Award

2009 come personalita' che ha lasciato un segno nel cinema contemporaneo.

GOLDEN CAMERA GERMANY

2004 come Miglior attore internazionale.

Stockholm Film Festival

1997 come Miglior attore per il film "Cop Land".

GOLDEN APPLE

1997 come Star maschile dell'anno.

CESAR D'HONNEUR

1992 Premio Onarario

TELEGATTO

1990 come Attore internazionale più popolare.


PEOPLE'S CHOICE AWARD

1986 come Attore preferito del cinema.

YOUNG ARTIST AWARD

1983 come Miglior film per famiglie per il film "Rocky III".

  MARQUEE AMERICAN MOVIE AWARDS

1980 come Miglior film per il film "Rocky II".

  KCFCC AWARD

1977 come Miglior attore per il film "Rocky".

NOMINATION BAFTA

1977 come Miglior attore protagonista e Migliore sceneggiatura per il film "Rocky".

NOMINATION GOLDEN GLOBE

1977 come Miglior attore in un film drammatico e Migliore sceneggiatura per il film "Rocky".

NOMINATION OSCAR

1977 come Miglior attore protagonista e Migliore sceneggiatura originale per il film "Rocky".

DAVID DI DONATELLO

1977 come Miglior attore straniero per il film "Rocky".

DREDD - LA LEGGE SONO IO 1995

Tullio Kezich

Corriere Della Sera

'Metropolis'
(firmato da Fritz Lang nel 1926) colpisce ancora, 'Blade Runner' non è passato invano e 'Terminator' ha fatto scuola: partito dai fumetti, il giovane regista inglese Danny Cannon approda alle fantasmagorie del videogame dilapidando un budget da 75 milioni di dollari. Non li riprenderanno mai perché negli USA 'Dredd' incassa poco essendo incappato nello sbarramento di una classificazione "R", per soli adulti. Più esatto sarebbe dire: per soli rimbambiti.

Michele Anselmi

L'Unità

Che Stallone sia un'icona americana è fuori discussione, ma certe fesserie le lasci agli eroi che interpreta sullo schermo. Sennò Rambo, al confronto, sembrerà un principe del Foro.

Gian Luigi Rondi

Il Tempo

In sé la storia non funziona, manca di logica oltre che di verosimiglianza, ed è così scoperta nelle sue poche motivazioni e nelle sue tesi che fin dalle prime scene si sa già quello che accadrà e come si risolverà. Però lo spettacolo c'è, le scenografie avveniristiche fanno colpo, le citazioni di tutti i film apocalittici e fantascientifici precedenti, da 'Guerre Stellari' in poi, ripropongono schemi ulteriori di facile successo e in definitiva Stallone ha sempre quel carisma di invito che lo rende credibile anche quando niente attorno a lui sa convincere.

Francesco Bolzoni

Avvenire

E' un peccato, proprio un peccato, che entro scenari perfezionati al computer da scenografi di sbrigliata fantasia, si collochi una storia a un grado zero di elaborazione mentale. Se si definisce 'Dredd - La legge sono io' 'fumettistico' si offendono i fumettari che, di solito, sono persone serie. Per quale verso prendere il film diretto dal regista Cannon, allora? Una cosa seria - nonostante vi si parli di degrado urbano, del potere degli intoccabili, di ingegneria genetica - non è. Forse, una parodia del genere avventuristico che, fra gli altri guai che va combinando, rischia adesso di distruggere i suoi divi. Kevin Costner non è uscito bene (incassi a parte) da 'Waterworld'. E Stallone non fa migliorare figura con 'Dredd'.

slyitalian.Com © 2009 • Privacy Policy • Webmaster:Alexandre Di Marzio