Lupa Capitolina

2012 Premio alla carriera

Hollywwod Career Achievement Award

2010 Premio alla carriera

Action Hero Hall of Fame

2010 Miglior eroe nei film d'azione.

Guys Choice Award

2010 prestazioni leggendarie nel genere d'azione.

Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker Award

2009 come personalita' che ha lasciato un segno nel cinema contemporaneo.

GOLDEN CAMERA GERMANY

2004 come Miglior attore internazionale.

Stockholm Film Festival

1997 come Miglior attore per il film "Cop Land".

GOLDEN APPLE

1997 come Star maschile dell'anno.

CESAR D'HONNEUR

1992 Premio Onarario

TELEGATTO

1990 come Attore internazionale più popolare.


PEOPLE'S CHOICE AWARD

1986 come Attore preferito del cinema.

YOUNG ARTIST AWARD

1983 come Miglior film per famiglie per il film "Rocky III".

  MARQUEE AMERICAN MOVIE AWARDS

1980 come Miglior film per il film "Rocky II".

  KCFCC AWARD

1977 come Miglior attore per il film "Rocky".

NOMINATION BAFTA

1977 come Miglior attore protagonista e Migliore sceneggiatura per il film "Rocky".

NOMINATION GOLDEN GLOBE

1977 come Miglior attore in un film drammatico e Migliore sceneggiatura per il film "Rocky".

NOMINATION OSCAR

1977 come Miglior attore protagonista e Migliore sceneggiatura originale per il film "Rocky".

DAVID DI DONATELLO

1977 come Miglior attore straniero per il film "Rocky".

JIMMY BOBO - BULLET TO THE HEAD 2013

Francesco Alò

Il Messaggero

Fu ovazione al Festival di Roma per il ritorno di Walter Hill alla regia dopo 10 anni complice uno Stallone gustoso killer laconico. 'Jimmy Bobo' ('Bullet to the Head') ripropone la formula di due Hill d'annata come '48 ore' e 'Danko': la strana coppia insieme in lotta. Qui il solitario killer Bobo si unisce a un poliziotto tecnofilo d'origini orientali (bravo Sung Kang già visto nella saga 'Fast & Furious') per sconfiggere una gang il cui sicario (Jason Momoa) è un energumeno dagli ideali comunisti («Mai fidarsi di qualcuno che non è interessato ai soldi» dirà di lui il capo). Cinema classico per i ragazzi degli anni '80: nessun ammiccamento cinefilo, trama basica, zero ambiguità morale, antiretorico al massimo (la chiusa di Stallone sa addirittura di esistenzialismo). La lotta finale tra Stallone e Momoa a colpi di ascia, lascia senza fiato. Bentornato Mr. Hill.

Alberto Crespi

L'Unità

Siamo impazziti per questo film lo scorso novembre, quando l'abbiamo visto al Festival di Roma. La Buena Vista l'ha tenuto in naftalina quasi cinque mesi, e anche nel resto del mondo (America inclusa) è uscito a 2013 ampiamente iniziato. Onestà intellettuale vuole che vi diciamo, in tutta franchezza, di non averlo rivisto doppiato: andateci con i piedi di piombo, cercate - ove possibile - l'edizione originale, nel dubbio verificate con il dvd appena uscirà. Direte: è un film con Stallone, inseguimenti/sparatorie/botte da orbi, mica uno psicodramma di Bergman in cui devi apprezzare le sfumature. Errore: in un film di Walter Hill le battute contano quanto i silenzi, e siamo ad esempio curiosi di sentire come è stata tradotta la frase con cui Stallone risponde nel finale allo sbirro, divenuto nel frattempo suo amico, che minaccia di arrestarlo: in originale Sly diceva «that'll be, the day», le stesse parole che dice sempre John Wayne in 'Sentieri selvaggi'. E' uno slang quasi intraducibile (qualcosa del tipo «campa cavallo», ma dipende dal contesto), quindi un cimento su cui si fa la nobilitate di un traduttore. Speriamo in bene. (...) Che il film sia costruito con ritmo impeccabile, e magnificamente girato, non deve sorprendere. Un pizzico di sorpresa ci sarà nel vedere quanto è bravo Stallone, sia pure con il volto tumefatto dalla chirurgia plastica, in questo ruolo da killer donchisciottesco con figlia a carico. Ma Stallone, checché se ne dica, è sempre stato bravo quando a dirigerlo c'erano registi diversi da lui stesso. L'accoppiata con Hill è fulminante, ed è incredibile che abbiano dovuto superare la sessantina per lavorare insieme. Meno male che è successo.

Alessandra Levantesi Kezich

La Stampa

'Jimmy Bobo' accoppia il regista veterano Walter Hill, memore dei poliziotti Nick Nolte e Eddie Murphy protagonisti del suo (più) riuscito '48 ore', e Sylvester Stallone, eroe muscolare di altri tempi, ma tuttora in forma. Il tutto sulla base di una sceneggiatura ispirata a un fumetto francese di Alexis Nolent che non fa nulla per risultare sensata. (...) Sullo sfondo di una cupa New Orleans, Hill conduce il gioco con un'essenzialità e una velocità di ritmo rari nel cinema d'oggi. Le battute sono tutte di Sly, mentre lo scialbo Kang si limita a fare la figura dello stupido.

Roberto Nepoti

La Repubblica

Malgrado cominci a somigliare in modo allarmante alla creatura del dottor Frankenstein, Stallone non molla la presa e, dopo il successo dei 'Mercenari' 1 e 2 (ma Jimmy Bobo ha avuto in America una partenza fiacca al botteghino), richiama in servizio I'ultrasettantenne Walter Hill, regista di successo negli anni Ottanta. Uno dei film più noti del quale, del resto, è l'imitatissimo '48 ore', prototipo del poliziesco di strana-coppia che il suo nuovo film (adattato da una storia a fumetti) riprende una volta di più nella variante dei due personaggi agli estremi opposti della legge. Qualcuno apprezza il 'vintage', che poi è l'unico motivo di essere di questa superflua serie B; ma conquistare così il giovane pubblico delle multisale non pare impresa facile.

Giulia D'Agnolo Vallan

Il Manifesto

Come i personaggi di uno dei suoi registi preferiti, Robert Aldrich, gli eroi non eroici dei film di Walter Hill sono uomini che scelgono la libertà di non tradire mai se stessi. Come quelli di un altro autore che Hill ama molto, Howard Hawks, i suoi film mettono in scena codici di valori e di comportamento. Il che fa di Walter Hill - oltre che uno dei grandi stilisti del cinema hollywoodiano contemporaneo - anche uno dei suoi moralisti più ostinati e imperturbabili. 'Jimmy Bobo - Bullet to the Head' non è tratto da una sua sceneggiatura (il copione, adattato dal fumetto francese di Alexis Nolen, è firmato da Alessandro Camon) ma è un film hilliano già sulla carta. Un duetto che ricorda innanzitutto quello incandescente tra il poliziotto Nick Nolte e il galeotto Eddie Murphy in '48 Hrs.', per un film che riffa sulla Golden age anni ottanta dell'action movie con la precisione, elegante, leggera e inesorabile caratteristica di questo regista e che i giovani autori che lavorano nella vena degli Eighties (come Gordon Green, J.J. Abrams o Zack Snyder) non hanno chance di eguagliare. Asciuttezza, velocità, humor, il gusto elettrico di una scena che non ha un'inquadratura di troppo, di personaggi stringati come ombre dalla caverna di Platone: Hill ama ridurre tutto all'osso. (...) Con quaranta giorni di lavorazione e un budget di quattordici milioni di dollari, 'Bullet to the Head' è uno di quei film di genere «come non se ne fanno più», nel senso che non sono diventati incomprensibili per un executive hollywoodiano, sia dal punto di vista estetico che finanziario. Non a caso, la WB ha (catastroficamente) scelto di distribuire 'Bullet' in Usa come un film «di Stallone» qualsiasi, creando così delle aspettative tutte sbagliate per questo noir crepuscolare e umoristico con cui Walter Hill strizza l'occhio anche un po' a Melville.

Giorgio Carbone

Libero

Piacerà agli amatori del giallo d'azione degli anni '80. Come li faceva Walter Hill ('48 ore' 'Danko'). E come Walter sa ancora farli a quasi sei lustri di distanza (scontri a fuoco splendidi e senza ausilio del digitale e di altre diavolerie tecniche).

Massimo Bertarelli

Il Giornale

Fragoroso, indecente poliziesco del super bollito Walter Hill, precipitato nell'inferno dei cinema spazzatura. Una storia imbarazzante che non va oltre gli scoppi e i cazzotti. Il patetico Sylvester Stallone, oscena caricatura di se stesso, sembra uno col torcicollo che ha ingoiato una scopa. Eppure mette ko un gigante che nella realtà lo stenderebbe in due secondi.

Maurizio Porro

Il Corriere della Sera

Action movie alla Walter Hill, con la cinepresa che fa da stuntman ai due personaggi sullo sfondo d'una violentissima New Orleans dove Stallone, accompagnato dal poliziotto coreano bon ton di Washington, deve vendicare la morte del socio in un trionfo d'amoralità. La solita alleanza telefilmica fra tipi diversi, ma Hill non lascia spazi morti, non c'è tempo per pensarci su, è una girandola di colpi bassi sul modello della commedia d'azione da lui portata al successo negli anni 80 ('48 ore' e il magnifico 'Driver', oltre a 'Eroe della strada'). L'ex Rocky-Rambo si presta coraggiosamente alla prova lifting e sembra Frankenstein senior per come cammina, si muove, guarda tutto d'un pezzo. Tratto da un fumetto francese, il film di Hill vede la vita come la materia di cui son fatti gli incubi con sprazzi di umorismo, battute e battutacce. È quasi un musical bombarolo ma con riferimenti al western, paesaggi notturni di palpabile infelicità e un duello finale con asce contro il perfido Jason Momoa: pensare che produce e distribuisce Disney!

Roberto Silvestri

Il Manifesto

Il film (...) ha i meccanismi agonistico- emozionali sono perfettamente sincronizzati. È un poliziesco dal volto umano, «di velluto», liberato dall'ansia dei virtuosismi digitali a tutti i costi e dalla pur velocità e geometricità della ritmica splatter hongkonghese (solo lievemente parodiata), dominato invece, come ai vecchi tempi di Murphy e Nolte, dall'irresistibile coppia «virile» protagonista di agguati e battibecchi e scherzi unghiuti. E da un doppio antagonista di villain famelici, formata da un neoliberista africano a striature Bokassaa piuttosto tragiche (l'ottimo Adewale Akinnnuoye-Agbaje, perfetto nel suo marxiano «inno al denaro» e da un faccendiere festosamente criminale che non sa se ispirarsi di più a Kubrick (...) (è Christian Slater, perfetto come sudista decaduto, anche nei vizi). Un «buddy movie» a orologeria, rivisitato con originalità. (...) Un'ora e mezzo di divertimento incalzante, che arrangia il suspense in modo denso e inquieto senza sbagliare mai battuta e armonia (...). Né un tono, né un timbro, né un effetto luce sono fuori asse, i blocchi d'immagine-azione tutti seducenti, rianimazioni di clip, promo, spot, flash web e soprattutto classici «insert» ritagliati dalle opere di Siegel, Aldrich, Clint e Hawks ...(...) Siamo insomma con 'Bullet to the Head' alla fusione, quasi la fissione atomica, energetica e incandescente tra materiali visivi e personalità etiche, sia dentro che fuori il set. Anche fuori film.

Emilio Ranzato

L'Osservatore Romano

Per il suo ritorno dietro la macchina da persa - a undici anni dl sentito ma stilisticamente affrettato 'Undisputed' - Walter Hill parte da una 'graphic novel' francese. Ma risulta presto chiaro come l'obiettivo del regista americano e del suo protagonista nonché coproduttore Stallone, sia di prendere a pretesto un canovaccio da 'crime-movie' qualsiasi per imbastire spensierate dinamiche da poliziesco ironico - più ironico che poliziesco - nel solco di '48 ore (1982) e 'Danko', con pretese però decisamente inferiori. Anche perché la tensione figurativa di una volta è solo un pallido ricordo, e la mano del regista, pur divertita, non si può certo dire ispirata (...). 'Bullet to the Head', insomma, nonostante la buona alchimia che si crea fra i due protagonisti, è un filmetto che dichiaratamente non vuole essere preso troppo sul serio, e va piuttosto considerato come un omaggio di Hill ai propri fan e a quelli di Stallone.

Antonio Angeli

Il Tempo

"È un thriller in stile hard boiled che, alla lettera, vuoi dire «strabollito». E più bollito di Sly non c'è nessuno. Insomma, Stallone è nella parte. Se anni fa interpretava questi ruoli da duro in modo stereotipato, con l'età ha acquistato un'autoironia e una presenza in scena che strappano l'applauso ".

Jay Weissberg

Variety

Il ritmo del dialogo è scritto per supportare la narrazione contestata, Stallone fa capo al suo repertorio di battute divertenti che lancia col suo stile brioso e genuino.

slyitalian.Com © 2009 • Privacy Policy • Webmaster:Alexandre Di Marzio